lunedì 21 marzo 2011

Il Danubio dell'MT Challenge: post in progress!

....ho il fiatone! Piccola premessa: non mi sono mai iscritta in palestra (se si esclude un mese di secoli fa, per un'improbabile presciistica), ma dopo aver cercato d'incordare il Danubio per un tempo interminabile, penso che le 80 euro al mese sarebbero regalate...e che ci vuole...basta fare un Danubio a settimana!
Tutti gli ingredienti ai blocchi di partenza!
Post in progress...perché? Perché mentre sto scrivendo, in cucina c'è una palla di pasta, che fra 2 ore circa dovrebbe essere raddoppiata...non ci spero molto (cioè ci spero, ma non ci credo!)...visto i miei precedenti, come l'Allenamento ed ancora prima un mezzo disastro d'impasto per la pizza (si, avete capito bene...l'avevo detto che non ho "dimestichezza"), che ho evitato di postare naturalmente!
Come per l'allenamento (la ricetta dei panini mignon su Famiglia Cristiana!), mi si sono presentati altri "segnali", tra cui uno, che proprio non ho potuto ignorare: un bellissimo libro che ho regalato alla mia mimma per i suoi 20 mesi (è già maggiorenne ormai), è un libro "Per chi...vuole giocare con la musica e con il corpo", non è uno sponsor lo giuro!
S'intitola Rime per le mani, edito dalla Franco Cosimo Panini, e contiene un cd con tante canzoni e musiche inedite di filastrocche illustrate, per far giocare ed educare i bimbi alla musica e al ritmo. Ogni filastrocca fa muovere una parte del corpo in particolare: le mani, i piedi...oppure può accompagnare il bagnetto o la nanna, altre invece suggeriscono ai grandi come fare il solletico...ecco...proprio una di queste...è stata la colonna sonora d'incitamento del mio impasto del Danubio....stavo "impastando" la mia piccolina qualche giorno fa, quando mi è venuta l'illuminazione! Vi scrivo il testo.
Disegno di Simona Mulazzani
Testo di Chiara Carminati
Faccio il pane
Faccio un monte di farina
sopra al tavolo in cucina
sulla cima proprio al centro
un po' d'acqua verso dentro
con le dita come insetti
spargo il lievito a fiocchetti
e per dargli anche più gusto
un cucchiaio d'olio giusto
tanto sale quanto basta
tutto è pronto...ora s'impasta!

Metto il pane a lievitare
non mi resta che aspettare.
Cresce e gonfia piano il pane
cresce in fretta la mia fame.

Metto il pane dentro al forno
resto a attendere lì intorno
cresce e cuoce piano il pane
cresce in fretta la mia fame.

Finalmente il pane è cotto!
Lo controllo sopra e sotto
il colore è favoloso
il profumo delizioso
sul tagliere lo scodello
me lo affetto col coltello.
Ma...ho una fame da leone
lo divoro in un boccone!

...e le istruzioni per i grandi: "Impastare con forza il corpo del bambino, come per fare il pane. Chiuderlo nelle ginocchia come in un forno. Aspettare per un breve tempo di cottura e poi tagliarlo con il fianco della mano facendogli il solletico".

Mera illusione...pensavo che era incordato abbastanza!
Dopo 3 prove trasparenza...
Il campo di battaglia!

...e ora aspettiamo!
Beh...mentre aspetto, potrei iniziare a parlarvi delle mie scelte di ripieno, che è la sola variante che mi sono permessa di apportare, per il resto ho cercato di seguire scrupolosamente la ricetta di Tery  (versione "impasto a mano", sottolineo e ingrandisco ed evidenzio anche, va...), dalla quale, se mi sono allontanata (ma spero di no! Qualcosa di là sta lievitando in effetti....), non è stato certo per mia volontà, ma per semplice incompetenza...sigh!
Quindi salto tutta la descrizione della preparazione e passo al ripieno.
Devo dire che la mia scelta è molto in tendenza con quelle dei miei "colleghi"...sarà quest'aria patriottica del 150esimo, ma anche a me è venuto in mente di portare un po' della mia adorata città sulle rive del Danubio, in particolare: l'antipasto toscano.
Qua a Firenze, come in tutta la Toscana, in ogni menù, dalla trattoria al ristorante tradizionale un po' più importante, non può mancare il classico Antipasto toscano, o Grande antipasto toscano: il primo comprende circa 4 varietà di crostini o bruschette (al pomodoro fresco, fegatini, funghi, salsiccia e stracchino, fagioli, ecc...), con altrettante varietà di affettati (immancabile il prosciutto e il salame toscano e la finocchiona), e qualche fetta di pecorino. La seconda versione di antipasto è un po' più ricca: alle specialità precedenti possiamo trovare in aggiunta ai crostini, delle polentine con i funghi o col ragout (qua si chiama sugo), delle salsiccine e dei prosciutti di cacciagione (tipo il cinghiale e il cervo), i carciofi e i funghi sott'olio, e dei formaggi un po' più ricercati, come i pecorini di fossa.
Detto questo, la mia scelta naturalmente si restringe a circa tre ripieni, sennò invece di un Danubio, ne dovevo fare almeno tre (ah ah ah ah! risata isterica): il classico crostino nero (di fegatini), il crostino salsiccia e stracchino e infine l'abbinamento della finocchiona, con un pecorino toscano.

Ah...dimenticavo...oggi è il mio compleanno: ho scelto proprio questo giorno per sfidare il Danubio, almeno se poi lo vinco (cioè mi venisse abbastanza bene!), solo questa piccola vittoria con me stessa sarebbe un meritato e gradito regalo di compleanno!
Ora non mi resta davvero che aspettare la completa lievitazione!

L'Antipasto toscano: dall'Arno al Danubio!
Fatto! I giochi sono chiusi! Il Danubio non è "straripato", all'apparenza sembra tutto nella norma, anche se ha rischiato la carbonizzazione, perchè mi ero distratta un attimo ad aprire il regalo della mia amica Ila, passata a farmi gli auguri e a pranzare, naturalmente! La prova gusto sarà stasera a cena dai suoceri con tutto il parentado!!!!
I miei "bimbi"  a lievitare nel forno tiepido.
Salvati appena in tempo...
Avendo un forno a gas non ventilato, dopo i canonici minuti di cottura (qualcuno di più!), ho dovuto spengere il fuoco, accendere il grill elettrico e spostare il Danubio al primo piano...altri 30 secondi e il fiume si buttava nel...Mar Nero!!!!!!

I ripieni
Finocchiona e un pecorino semistagionato di Pienza
Non c'è molto da spiegare: sbriciolare con le dita un po' di finocchiona e di pecorino.

...dal crostino salsiccia fresca toscana e stracchino
Togliere la "buccia" alla salsiccia e con una forchetta amalgamarla bene allo stracchino.

...dal crostino di fegatini classico
Questa è una ricetta tradizionale della cucina toscana, che varia da famiglia a famiglia, io naturalmente ho fatto la versione della mia mamma, che per ingredienti non si discosta molto da una ricetta che ho trovato su Il libro della vera cucina fiorentina di Paolo Petroni.
Ingredienti
300 g di fegatini di pollo puliti (senza filamenti e senza la vescica del fiele), 1/2 cipolla, 1/2 bicchiere di vino bianco (nel libro di Petroni è sostituito col vinsanto!!),2 filetti d'acciuga sott'olio o sottosale, 1 cucchiaio di capperi, un po' di brodo, 50 g di burro, olio e.v.o., sale e pepe, un cucchiaio di salsa di pomodoro
Preparazione
Tritate finemente la cipolla e fatela appassire in 4 cucchiai d'olio, unite i fegatini e rosolateli bene bene da ogni lato (mia mamma dice che devono diventare quasi neri), alla fine sfumate col vino, poi finite di cuocere con un po' di brodo, sale e pepe e un cucchiaio di salsa di pomodoro per circa 10 minuti, senza fare asciugare troppo. Toglieteli dal fuoco e tritateli fini a coltello (mixer vietato!). A questo punto aggiungete il burro e il battuto di capperi e acciughe (ben pulite) e mescolate bene. Se non è per riempire il Danubio, di solito questo impasto, ancora tiepido, si spalma su fette di pane toscano tagliate a metà, precedentemente abbrustolite e bagnate velocemente, da una parte sola, nel brodo.


Ed ora il mio giudizio personale sul risultato.
Premetto che non avevo mai assaggiato il Danubio, e in realtà non ho termini di paragone per giudicare la perfetta riuscita del mio, quindi anche l'abbinamento dei ripieni è stato un esperimento vero e proprio.
Il mio Danubio si è avvicinato molto alla consistenza e al sapore di un pane briosciato, quindi molto tendente al dolce, di conseguenza, almeno secondo me, lo stracchino/salsiccia e i fegatini, che hanno un gusto abbastanza dolce, seppur ugualmente gustosi, non hanno esaltato al meglio il sapore del Danubio, cosa che invece ha fatto la finocchiona col pecorino di Pienza, il mio ripieno vincitore. Riflettendo poi sul Danubio originale, che lo vuole abbinato alla provola e prosciutto cotto, tutto torna: per me il Danubio, da nord a sud, vuole comunque un affettato e un formaggio saporito!

Grazie al team di MT e a Tery, che mi ha pazientemente supportato e risposto a tutte le domande "stupide", che mi venivano in mente...ma chi lo avrebbe mai detto che mi riusciva un lievitato del genere, certo che ora se mi metto a fare il pane in casa a mano (mai fatto)...è tutto in discesa
Comunque vada, la soddisfazione e il divertimento sono stati notevoli!!!!!

P.S. Sapete cosa mi ha regalato ieri sera la mia dolce metà per il mio compleanno?
La macchina del paneeeeee!
Vabbè via....prendiamola con filosofia...anzi con poesia...che ascoltare la filastrocca del pane, mentre era in funzione la "macchina", non sarebbe stata certo la stessa cosa....

14 commenti:

  1. Ecco, adesso per qualche ora non penserò ad altro che alle sorti del tuo Danubio, anche per me sarà "una prima volta", anzi, quasi quasi potrei provarci subito...così crescono insieme!!

    bacetti, Fabi

    RispondiElimina
  2. tienici informati. Io l'ho sconfitto ieri, è una bella soddisfazione :-P

    RispondiElimina
  3. Siamo tutti con te!!!! In attesa del tuo Danubio che si butta in Arno :-))

    RispondiElimina
  4. ps: BUON COMPLEANNO!!!!!
    MA....nel frattempo sbaglio o hai tolto dal forno il tuo capolavoro? Bello è bello, sarà buonissimo toscanizzato!!!
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
  5. Grazie bimbe! I commenti fanno sempre piacere, ma oggi in particolare, mi hanno dato una bella carica!
    Un abbraccio virtuale a tutte!

    RispondiElimina
  6. BUON COMPLEANNO!!!!
    E che bel regalo ti sei fatta! Hai scoperto di non essere affatto incompetente con i lievitati, hai preparato un Danubio da urlo e l'hai farcito con dei ripieni meravigliosi, il tutto risparmiando sulla palestra e bruciando almeno 600 calorie!!! :-D

    RispondiElimina
  7. ah, dimenticavo gli auguri. :-D Il tuo Danubio toscano piange sconfitto. Complimenti per la vittoria!!!

    RispondiElimina
  8. Lo ammetto, mi stai facendo divertire un sacco con questa tua lotta all'ultimo danubio!

    Da quello che posso vedere direi che la sfida l'hai già vinta!
    Almeno quella con te stessa, per l'mtc si dovrà aspettare ancora un po' per saperlo... :)
    Sei stata bravissima e complimenti per l'impresa titanica! :DDD
    Non vedo l'ora di vedere il ripieno!

    RispondiElimina
  9. evviva i bei regali utili!

    RispondiElimina
  10. buon compleanno! chissà che soddisfazione, ti è venuto benissimo!
    la finocchiona mi piace ma i fegatini di più, per me vincono loro :-P
    Ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
  11. ha ha ha finalmente ce l'hai fatta! ed è un bellissimo risultato! AUGURI
    Dani

    RispondiElimina
  12. Brava!!!!!!!!!!!!
    Il risultato è bellissimo!!!!!!!!!!!!!!!!

    ahhahaha la macchina del pane arrivata solo dopo l'impresa titanica? :-) Sicuramente impastare a mano ti ha dato ancora + soddisfazione!
    Complimenti, sei stata bravissima e simpaticissima! :*

    RispondiElimina
  13. Arrivo anch'io, perchè ho seguito tutte le prove ripromettendomi di lasciarti almeno un "pat pat" di incoraggiamento e invece nada de nada... e così li metto tutti qui.
    Intanto, grande, grande, gradissimo posy: questo e quegli altri. Farci un resoconto in presa diretta delle tue paure e dei tuoi progressi con i lievitati, aprendoci le prote di una cucina vera, con tutti gli esperimenti, riusciti e meno riusciti, è proprio roba da "emmetichallenger veri" :-) ogni volta diciamo che giochiamo per divertirci con gli altri e per metterci alla prova con noi stessi e questi tuoi post sono davvero la traduzione pratica di quello che cercavo di dire da un po'.
    Poi, c'è la filastrocca, che mi ha ripostato indietro di 15 anni: anche noi avevamo le nostre filastrocche, una per ogni stanza della casa- e le migliori erano sempre quelle dedicate alla cucina.
    E poi c'è questo Danubio, en fin, che è stato il più seguito di tutti: mai si è visto un tifo da stadio come per questa lievitazione :-), ma direi che ne è valsa la pena
    Ovviamente, mille e mille auguri di buon compleanno e un GRAZIE grosso come una casa per partecipare- e farlo in questo modo
    besos
    ale

    RispondiElimina
  14. Grazie degli auguri Cris, Mapi, Kika, Acquolina Tery Ale e Dani.
    Sono contenta che vi abbia fatto divertire un po'. E grazie soprattutto per il tifo....che bella soddisfazione...sarà il primo lievitato di una lunga serie, grazie a voi naturalmente!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...